Sempre più “asocial” network

Continuano le pronunce della Suprema Corte in tema di diffamazione aggravata dall’uso dei social network considerati mezzi divulgativi di informazioni verso una quantità indeterminata di soggetti e quindi potenzialmente devastanti, in caso di attività denigratoria, per la vita e le relazioni sociali della vittima.

Maggiori informazioni